Home / Cosa facciamo

Studi e Ricerche

Cambiamenti nel paesaggio. Servizi ecosistemici e biodiversità: un caso di studio in Valle di Ledro (Trento)
Chiara Fedrigotti, Tesi di Laurea (2014 - 15)
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA
Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie

Il paesaggio alpino, soprattutto nel corso degli ultimi anni, ha subito importanti trasformazioni dovute all'urbanizzazione, l'agricoltura intensiva, e ancor più all'abbandono delle attività tradizionali e la progressiva riforestazione naturale. Questi ultimi due processi, determinano la rapida scomparsa di habitat di pregio e compromettono lo sviluppo delle specie animali legate a questi ambienti. Queste problematiche si stanno affermando con sempre più rilevanza anche nel territorio delle Alpi Ledrensi. La mappatura del paesaggio e lo studio della sua evoluzione, trattate in questa tesi, forniranno uno strumento utile per la gestione del territorio della Rete di Riserve delle Alpi Ledrensi e per l'identificazione delle priorità di conservazione all'interno dei suoi confini.


Il mestiere del carbonaio: progetti di sviluppo economico, valorizzazione e turismo sostenibile nella Biosfera UNESCO Alpi Ledrensi e Judicaria
Matteo Rapanà, Project work del Master World Natural Heritage Management (2017)
SCUOLA PER IL TERRITORIO E PER IL PAESAGGIO - Trentino School of Management

Svolto per numerosi secoli nel territorio di Bondone come in altre realtà montane, il mestiere del carbonaio sta ormai scomparendo a seguito di diverse motivazioni, come la scarsa redditività di quest'attività e la mancata richiesta di carbone nel settore industriale. Il project work non si pone l'obiettivo di recuperare questo mestiere, quanto piuttosto quello di elaborare strategie mirate e differenziate per valorizzare l'attività del carbonaio.In quest'ottica ci si prefigge di mettere in contatto vecchie e giovani generazioni per tramandare la conoscenza del territorio e degli antichi mestieri, rafforzare il senso di appartenenza alla medesima collettività, promuovere forme di turismo sostenibile a stretto contatto con le comunità del territorio e, infine, insegnare nuove strategie di comunicazione e divulgazione culturale alla realtà giovanile locale. Tutte queste proposte potranno costituire un valido punto di partenza per elaborare un progetto di turismo sostenibile nel territorio di Bondone all'interno della Rete di Riserve Alpi Ledrensi.


Le carbonaie: studio sulla produzione del carbone di legna e sulle tracce archeologiche corelate
Chiara Sommadossi, Elaborato finale Tesi triennale (2016 - 17)
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO
Dipartimento di Lettere e Filosofia

Il presente elaborato è stato redatto nell'ambito del progetto: A.I.A.L. - Archeologia delle Carbonaie Ledrensi", nato dalla collaborazione tra Università degli Studi di Trento, Museo delle Palafitte di Ledro e Rete di Riserve Alpi Ledrensi e finalizzato al censimento, analisi, datazione e documentazione delle tracce della produzione del carbone nelle Alpi ledrensi. 
In tempi recenti, il tema delle carbonaie e il processo di produzione ad esso legato è un argomento che ha suscitato l'interesse della comunità scienti ca, permettendo di approfondire diversi aspetti di questa attività: dai processi di formazione dei depositi archeologici alla lettura e interpretazione dei sedimenti e dei suoli; dal telerilevamento alla creazione di modelli predittivi per lo studio delle evidenze archeologiche. Tutto questo con particolare attenzione alla produzione del carbone attraverso le carbonaie e le tracce archeologiche ad esse correlate. Il presente elaborato, che presenta i dati raccolti nel corso della campagna 2016, vuole essere un primo contributo all'ancora esigua bibliografia riguardante la produzione del carbone di legna secondo le tecniche tradizionali.

Civetta capogrosso (Aegolius funereus)
Civetta capogrosso (Aegolius funereus)
(foto di Archivio Muse)
Condividi su